lunedì 27 agosto 2007

Poesia del giorno: da "Budapest"


Sotto il mare


Da millenni, millenni mio giglio
il tempo crocifigge corpi,
guardali,
innocenti.
E mi sa che crescere significa solo
veder morire, ogni anno di più, sempre di più,
e voltarsi a vedere i pezzi
che ci si staccano di dosso,
e guardarli affondare,
senza che puoi farci niente.
La pace sta sotto il mare?
Forse.
Proverò a non pensarci più,
imparerò ad essere padre,
padre dei tuoi fiori,
a stare lontano dalla memoria,
la mia,
che vince ogni volta il presente,
a cancellare perché solo così si può sognare,
e poi venire via,
con te che tieni in pugno la tristezza,
fuggire via dall’orfanotrofio che ho
nel cuore.

Mar Egeo, 20 agosto 2007

10 commenti:

Fabio Paolo Costanza ha detto...

Bentornati fiori

sono tornato zingaro... ha detto...

Bella Fabio...secondo me,però,nessuno ha le forze per commentare...io sono in grado di parlare solo ora...
Sarà il post-briscola,ma che giornata di merda!

Cri

Anonimo ha detto...

Gambero rotto supermercatO barca:
bonpreu-ausias marc 27:ron negrita 6.20,ricordo valenciano per un mitico quartetto.
Capisco la giornata di merda del mio amico comasco,sono a 1000km da lui,ma oggi nella mente l'ho ritrovato vicinissimo.Sono con te socio...COME AI TEMPI D'ORO,ANZI DI PIU'.
Scusate il diario personale ma è successo un avvenimento che ha mandato me e cri in sbatta,di cui non parleremo sul blog.
Ma si va oltre,per forza.
Oggi è una giornata cosi,tra poco saranno a cena da noi delle ragazze molisane conosciute stanotte, sono curioso di rivedere il loro volto da sano.Ma c'è ancora mezzora e non so se succederà.
Fratello come vedo l'aria di grecia ti ha fatto bene. VOglio salutari i miei fratelli mobilieri, a cena a casa del buon Paolino.Spiace non essere lì.Oggi mi è spiaciuto non essere in tanti posti.
Ai sonnambuli propongo già il tema della serata per la nostra rubrica notturna,LA NOTTE BIANCA,ispirato dalla poesia di Fabio:
la pace sta sotto il mare?e se no dove sta?si può stare in pace con se stessi senza altri?
A questa sonnambuli.Pe chi non può dormire.

Ale O.

mezzanotte e dintorni ha detto...

...e chi cazzo dorme stanotte?!
Noto con molto piacere che il mio socio Ale si sta trasformando in Gigi Marzullo,orari e domande coincidono.
Comunque credo che la pace non sia in un posto preciso,è sfuggente o forse le piace semplicemente viaggiare quindi non riesce a stare in un solo posto per più di un giorno.E'zingara,un pò come me...che sia io la pace?E proprio per questo penso che si possa stare in pace con se stessi senza altri,perchè dura poco...io senza "altri" impazzirei e non credo che la pazzia vada a braccetto con la pace...o forse sì?
Giovane Ale,forse hai trovato un pò di pace da solo o quasi,ma non sei proprio senza "altri",pensaci bene.

Cristian Morelli-Crepet-Meluzzi(che fa lo spesso fingendo di sapere tutto.Era meglio se fossi andato a dormire,vero?)

Adrian Prince Baudelaire oggi ero a Desio a incidere una demo! ha detto...

Bellissima poesia, ma è anche già un po' banale dirselo.
Per chi non può dormire...
per chi non ha la pace per dormire e quando sarà abbastanza drogato dormirà...per me che dopodomani avrò la patente e sarò necessariamente più sobrio...per ogni amore che nasce in ogni angolo del mondo...a Gabriele La Porta (quello di "saggezza" oppure "altrimenti lui muore")...io vorrei essere in un sacco di posti caro il mio Ale, accontentati di Barcellona...non posso nemmeno muovermi per comprare delle corde alla mia chitarra...e poi ora son tutti chiusi. Fascisti.
Non dormite amici, siamo zingari o caporali?!

estonia's child ha detto...

Sì!

florin,lo zingaro del gol ha detto...

...è notte alta è sono sveglio...

Fratello Adrian ho letto solo stasera la tua mail,comunque da domani riprendo a lavorare in biblioteca,quindi attendo ansioso tue visite.Io la patente la riavrò il 22 novembre,quindi potrò rimanere alcoolizzato ancora per un pò,a parte nella settimana che precederà gli esami del sangue in cui dovremo bere solo acqua uliveto o rocchetta(da tennis ovviamente).
Ieri sera ero certamente alle corde,può esserti utile?
Comunque tutto ciò che è chiuso è FASCISTA,che non è un offesa,è una bellissima parola che deriva dal latino "fascistorus" e vuol dire SAGGGGEZZZZA! O forse deriva dal greco "fascEEEio" e vuol dire fare,ma anche disvEEElare...non ricordo mai.
Che gli Dei vi benedicano tutti,cari sonnambuli,anche se oggi siamo in pochi...ovviamente pochi ma buoni...pasto,quelli che mi hanno sempre dato all'adecco per mangiare,ma che io usavo solo per comprare le birre in università tattattattatà tarararà tà,come il comitato sai che fa...

Manca molto alla fine di questo crudele agosto?

Anonimo ha detto...

amici maledetti,oggi intervengo sul tardi, quando la gente va per il cappuccino,io sorseggio la mia ultima birra in frigo.Interbengo ora non perche riesco a dormire,ma perchè il mio spirito si è risollevato.Ho intrattenuto il mio corpo con la giovane Cinzia,18enne, e stranamente non sono sdegnato.Questo non vuol dire che sia felice,ma è qualcosa.E' simpatica,la mamma è di Larino(quanto è piccolo il mondo, e marcio,e ha un bel viso.E' un po che non baciavo un bel viso.Ho fatto un bagno,sesso sulla spiaggia e nell'atto mi hanno rubato lo zaino.E' strano per un napoletano essere rubati,è un pò come se a un francese toglissero la baguette dall'ascella e gliela infilassero dritta nel cuolo.Risultato:sono tornato con Cinzia in costume e asciugamano,io solo in costume e piedi nudi.Ci hanno rubato dei vestiti,di discutibile gusto.Ma va bene così.E' tutto avventura. E' bello che qualcuno ti dica che ha un'altra persona a casa,che non dovrebbe però vuole passare una notte con te, ma che non sia una.E dirti però capirò,se è una notte sola,va bene così,è meglio così.Tanta gente non ragiona così.Ti succhia il sangue in una notte, e se ne va,vampiresca.Viva la sincerità,il mettersi a disposizione senza essere subordinati.Pur sapendo di esserlo.E' questione di impressioni.CHiamale così se vuoi.Ho riso e scherzato mentre la baciavo.Avevo bisogno di leggerezza,questa volta non profonda.A tanti di noi danno la caccia i petrolieri per quanto siamo profondi.Oro nero lo chiamano;fuor di razza. Grazie Cinzia e un bacio a chiunque di voi abbia fatto sesso non per amore,tanto per fare,che va bene cosi,senza parole.Aspetto con ansia il pezzo di domani.Dite ad amici e parenti che la rubrica Notte Bianca c'è sempre,verso tardo pome un tema,ma come a scuola è lecito andarvi fuori.E' uno spazio per chi la sera non esce,per chi la notte non dorme,per chi la mattina vuole mandare a fanculo tutto.
A domani notte con i sonnambuli, a domani con una nuova poesia. Notte,dopo gli esami del sangue.In bocca a Lupo(pare sia grandissima),ebbri per la legge.Che bacco (il dio)e Bacco(il nostro)siano con voi,l'uno come copilota,l'altro come ausiliario della sosta.
Notte-Mattina sonnambuli

Ale O

Anonimo ha detto...

tutto il dispaccio è per dire che la pace ho provato a trovarla con una fanciulla sotto il mare,come chiedeva mio fratello Fabio,sulla sabbia,ma non c'è stato.SOlo un risollevarsi.La pace è un sollievo?Io non sono un pacifista,amo le passioni e lo scontro.Non sono i luoghi a dare serenità,però se sei piu forte non sei piu in pace,ma meno vulnerabile.E forse essere meno vulnerabile non è essere più sereno?la realtà è che èuna questione di più e meno, nulla di effettivo.Alla fine si arrotonda sempre.

Ale O.

Anonimo ha detto...

La poesia è morta...nihil