martedì 16 settembre 2008

Erminio Giunta


Ti ho voluto fare un dono

Stanotte ti ho osservata
creatura candida e perfetta,
e trasalendo mi sono accorto
di non poterti mai donare
qualcosa che solo si avvicinasse
alla tua bellezza,
e ho pianto per ore
e mi sono graffiato il viso
ed ho morso a sangue le labbra
finchè un idea mi ha illuminato:
allora ti ho strappato i denti
e ne ho fatto una collana,
che ora ti voglio regalare,
dei tuoi occhi ho fatto
due stupendi orecchini
e ho divorato il tuo cuore,
per assorbire un poco
della tua bontà.
Ma ora dormi amore,
non ti agitare,
domani riceverai spledidi doni.

1 commento:

Lois (la vecchia zia che è in me) Balducci ha detto...

Povera piccola Alice.....
Ma la parure di molari è una vera DE LI ZIA! UN SOGNO!
E i pendenti di bulbo oculare! Ma è vero bulbo? Non è coltivato?
Guarda come si armonizzano al resto, splendido, splendido!