venerdì 22 giugno 2007

Poesia del giorno: Michele Mazzotta


Sepolcri

Scorro le lapidi
come pagine di un libro,
la ghiaia risuona frammentata
sotto i miei passi
che incespicano tra le statue,
immobili oranti
su cui si posa la cenere del tempo.
Requiem.

14 commenti:

Fabio Paolo Costanza ha detto...

Termina oggi la settimana dedicata al poeta romano Mazzotta,onore a lui

Anonimo ha detto...

non poteva che finirre con sepolcri la settimana del mio caro amico mazzo.Ricordi di leggera,ma già pesante gioventù.Cenere del tempo. Il tempo aiuta, dicono...sarà così me sembra solo un giorno in meno di felicità...
Consigli del 'Gambero rotto':
-La 'peppa': a Carate
1.60 bottiglia Splugen,probabilmente pigiata e imbottigliata da lei
7.50 bottiglia di gin
Aperto fino a mezzanotte.

Ancora un grazie a tutti.Mazzo hai perso una situazione di maleaffare.
Ale Oste

Fabio Paolo Costanza ha detto...

Consiglio del Gambero Rotto:
10 campari e martini bianco,10 euro,
Pizzeria "Costanza",
Agromonte Mileo(Potenza)

Anonimo ha detto...

molto bella,complimenti

Anonimo ha detto...

bella poesia!
da20

Anonimo ha detto...

da20........sto per andare a como, e picchierò il tipo che ci ha venduto il panino.

Ale O.

Anonimo ha detto...

ottimo oste e gia che sei a como, fammi un favore visto che stai gia picchiando qualcuno buttaci dentro qualche calcio e puglio ai funzionari del catasto che stamattina me le hanno proprio fatte girare.. bastardi!!!
e io che mi osno alzato alle 7 con tutti i buoni propositi...
maledetti !
odio il catasto...

bella oste!
p.s.
fatti fare un panino in omaggio fatto bene per ripagare l'affronto subito..
:)
da20

Fabio Paolo Costanza ha detto...

Ragazzi ringraziamo Tony di Journalize! che ha dedicato un generosissimo articolo ai Canti dei Mobilifici.Visitate il suo bellissimo blog(l'indirizzo lo trovate fra i link),dedicato al mondo della comunicazione.Tony sta scrivendo una tesi sul web 2.0 che probabilmente verrà pubblicata,facciamogli un grosso in bocca al lupo!

Anonimo ha detto...

grande tony!
in bocca al lupo
da20

Anonimo ha detto...

Maledetti non ho ancora saputo come è andata al tambourine mercoledì sera, qulcuno mi faccia sapere al più presto!Chi è stato il più lercio della serata?Ringrazio Bacco per aver dato spazio a questi giovenili errori.Volevo inoltre complimentarmi con l'Oste per il "Gambero rotto",e in particolare consiglio anche io di andare dalla "peppa", quella vecchia troia vendeva vino rosso pugliese a 1e: dio solo sa come inveivo il giorno dopo mentre gurdavo "nessuno è perfetto" con Signorini e la Mazza, di quest'ultimo spunto ne ricorderà solo Bacco.Ego ve absolvo.A presto.Michele Gianmaria Mazzotta

Fabio Paolo Costanza ha detto...

Onorevole Mazzotta,mercoledì al Tambourine è andata alla grande,più di 150 esseri umani.Non ha vomitato nessuno,io sono finito da Nino l'egiziano per la birra della staffa,gli altri in un parcheggio fino all'alba.Fino a quando i Carabinieri non li hanno rimproverati.Aspettiamo tuoi nuovi componimenti,che questo blog sarà felice di pubblicare.Memento audere semper,mai domi,mai Domy!

Fabio Paolo Costanza ha detto...

Onorevole Mazzotta,mercoledì al Tambourine è andata alla grande,più di 150 esseri umani.Non ha vomitato nessuno,io sono finito da Nino l'egiziano per la birra della staffa,gli altri in un parcheggio fino all'alba.Fino a quando i Carabinieri non li hanno rimproverati.Aspettiamo tuoi nuovi componimenti,che questo blog sarà felice di pubblicare.Memento audere semper,mai domi,mai Domy!

L'Esorcizio ha detto...

I poeti (Pierangelo Bertoli)

I poeti son poeti perche' scrivono poesie
fanno a gara nei concorsi dove vincono bugie
quei concorsi col salame, con la medaglietta d'oro
hanno il vizio di spiegarti che i poeti sono loro.

Il poeta e' un uomo stanco che si sveglia a mezzogiorno
che si affaccia dal balcone e si guarda appena intorno
insicuro e sempre incerto si trascina alla sua tana
caffelatte con le uova che la mamma gli prepara.

I poeti son dei matti che non pagano il pedaggio
fanno finta di capire quando scrivono "coraggio"
ma se c'e' da far la guerra il poeta e' giu' in cantina
fa l'amore con la serva e si scopa la regina.

Il poeta ha dei segreti che non dice con nessuno
sono formule di sogno che gli fan vendere fumo
con quell'aria un po' sorniona, privilegio dell'artista
ama i gatti, beve vino, scorda il conto del dentista.

I poeti sono il sole che riscalda le speranze
della gente disperata che si nutre di bestemmie
i poeti sono il mare che circonda tutto quanto
ma han la pelle troppo chiara e non fanno piu' di un tanto.

I poeti son poeti perche' scrivono poesie
fanno a gara nei concorsi dove vincono bugie
quei concorsi col diploma, coi discorsi culturali
dove vincono il diritto di non essere normali

Fabio Paolo Costanza ha detto...

Grande il Cizio che ci tira fuori una perla del buon Bertoli,grande emiliano,cantautore semplice e schietto(vi ricordate "Spunta la luna dal monte?")