domenica 10 giugno 2007

La domenica poesia d'autore: Eugenio Montale


Meriggiare


Meriggiare pallido e assorto
presso un rovente muro d'orto,
ascoltare tra i pruni e gli sterpi
schiocchi di merli, frusci di serpi.
Nelle crepe dei suolo o su la veccia
spiar le file di rosse formiche
ch'ora si rompono ed ora s'intrecciano
a sommo di minuscole biche.

Osservare tra frondi il palpitare
lontano di scaglie di mare
mentre si levano tremuli scricchi
di cicale dai calvi picchi.

E andando nel sole che abbaglia
sentire con triste meraviglia
com'è tutta la vita e il suo travaglio
in questo seguitare una muraglia
che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia.


Da "Ossi di seppia"

6 commenti:

Anonimo ha detto...

"Ho scritto poesie e per questo sono stato premiato,ma sono stato anche bibliotecario,traduttore,critico letterario e musicale e persino disoccupato per riconosciuta insufficienza di fedeltà a un regime che non potevo amare.Pochi giorni fa è venuta a trovarmi una giornalista straniera e mi ha chiesto:come ha distribuito tante attività cosi' diverse? Tante ore alla poesia, tante alla traduzione, tante all'attività impiegatizia e tante alla vita? Ho cercato di spiegarle che non si può pianificare una vita come si fa con un progetto industriale. Nel mondo c'è un largo spazio per l'inutile, e anzi uno dei pericoli del nostro tempo è quella mercificazione dell'inutile alla quale sono sensibili particolarmente i giovanissimi."

(tratto da "E' ancora possibile la poesia?" Discorso tenuto all'Accademia di svezia il 12 dicembre 1975 - Eugenio Montale - Genova 1896 Milano 1981)

J.S.

Fabio Paolo Costanza ha detto...

Grande Montale,a capodanno tutti alle Cinque Terre ad estirpare i vigneti

Fabio Paolo Costanza ha detto...

Grande Montale,a capodanno tutti alle Cinque Terre ad estirpare i vigneti

Matteo ha detto...

Montale copione, ne ho fatta una uguale, solo che adesso quello bravo è lui perchè l'ha scritta prima. Bisogna cambiare la mentalità del copyright: il vero autore è quello che ha scitto per ultimo.
Montale mi ha fatto del male.

Matteo

Fabio Paolo Costanza ha detto...

Giusto Eusebio Pozzoli

Anonimo ha detto...

se maometto non va da montale, montale va da maometto.