mercoledì 5 marzo 2008

Poesia del giorno: Rosanna Palmieri

La svista



Colpa della distrazione
se al pensiero disattento
riesce facile la svista,
si perde la faccia
e quel che c'era appeso,
hai voglia a dirsi
di aver sbagliato tutto
e poi sbagliare ancora
e masticare fiele
nel prendersi soltanto
all'incontrario,
chè il verso giusto
ci era peregrino,
poi nel deflagrare,
lottando, sul terreno
comune dell'abbaglio
persuasi finalmente
che di solo rimpianto
non può alimentarsi
il corso arioso delle cose,
il mantice del tedio
prende a spirare
sul fuoco acceso
di un pensiero aggraziato
e per la mano gentilmente
ci riaccompagniamo,
ciascuno all'uscio proprio
più discreto dell'orgoglio
appena calpestato.

3 commenti:

Fabio Paolo Costanza ha detto...

Buona giornata a tutti.

Anonimo ha detto...

Molto bello il contenuto e le immagini "trafiggenti"(prendere a spirare sul fuoco acceso)...

Però,e chiaramente è solo una mia opinione, vedo un'impegno spasmodico per una forma che oggi non può più esistere come "riferimento anatomico" ma solo ed esclusivamente come "un unico legame imprescindibile o quasi"...

Mi sembra di vedere un'attenzione certosina per il "verso successivo", un proseguimento continuo alla ricerca del "dopo"...

La Poesia è adesso, perchè scollegare l'emozione per lasciare il posto alla razionalità lucida ed intatta?!

Bella Poesia...

J.Sbranza

da20(abbgliato dalla luce che sia del sole non si sa) ha detto...

molto belle alcune frasi che mi hanno colpito:
...si perde la faccia
e quel che c'era appeso,...

e anche

...ci riaccompagniamo,
ciascuno all'uscio proprio
più discreto dell'orgoglio
appena calpestato.

bella poesia!