mercoledì 14 novembre 2007

Poesia del giorno: Irene Leo


Sinfonia



Passo, passo

l'incedere scivola sullo sguardo teso.

Raccolgo il nastro rosso

del pensiero,

annodandomi lenta

al respiro di anemone.



Sorge qui ed adesso

la sinfonia acuminata

dei tuoi occhi,

lame che uccidono

del mondo

il nulla vacante.



Siamo nella terra di sabbia e sangue

ove germogliano gli angeli

a primavera.

16 commenti:

Fabio Paolo Costanza ha detto...

A voi Irene e questa composizione che trovo veramente bellissima,specie nel finale.
Benvenuta a Budapest.

Irene L. ha detto...

Ti ringrazio fabio, onorata d'essere tua ospita...

I.

Anonimo ha detto...

Musicale,densa,armonica,
brava!
Anto.

Vilnico ha detto...

::Il cuore di una donna è sfuggente come una goccia d'acqua su una foglia di loto.
(Proverbio cinese)

J.Sbranza ha detto...

Voglio dire, con tanto dispiscere perchè "la voce" di una donna merita sempre rispetto(è un poco discriminata nell'arte o almeno nella poesia, come l'uomo nella società "delle tette"); che non provo sensazioni o sentimenti nel leggere queste parole...

Non trovo sensazioni "fragorose" o stati d'animo cosi' interessanti da potermici immedesimare, leggo solo un sacco di belle frasi ed aggettivi, messi li' come "una bella torta impacchettata"(con tutto il debito permesso nel paragone").

"SIAMO SULLA TERRA DI SABBIA E SANGUE OVE GERMOGLIANO GLI ANGELI A PRIMAVERA" è sicuramente la parte più bella, ma credo che se Maradona si fosse limitato solo a segnare da 10 metri, senza farsi tutto il campo in solitario; non sarebbe stato lo stesso.

Mi scuso per la "crudeltà personale" delle parole, ma è la mia PERSONALISSIMA opinione verso sinfonia, che non trovo se non nell'aggettivo sinfonia appunto una musicalità cosi'triviale...

Cmq Benvenuta...

Ciao...!

Irene L. ha detto...

Ringrazio per i gentili complimenti e per le critiche, scrivo da tempo sulla rete, in vari "ambiti"...e dunque sono aperta al confonto come momento di crescita,e dunque caro
j.sbranza rispetto pienamente il soggettivissimo commento, ma il modus lo prendo con le molle, come mera provocazione, non trovandovi nulla di costruttivo.

Chè forse quello che ci scriviamo ci somiglia?!!
Io non amo "urlare"...

I miei saluti a voi tutti.
Irene L.

Anonimo ha detto...

Io invece la trovo esattamente "fragorosa",certo piana,non urlata,soffice ma solo in apparenza leggera.

lame che uccidono

del mondo

il nulla vacante

Questi versi li reputo emblematici.E' una poetica in cui mi rispecchio perfettamente, da "donna".
Quindi,i miei complimenti!
M.

Gianluca Bod ha detto...

Si corre il rischio di distinguere la poesia femminile da quella maschile. La poesia secondo me è androgina, quindi il sesso di chi le scrive conta poco (esistono sensibilità diverse, non poesie dal sesso diverso).
Secondo me questa è una bella poesia, immaginifica. A me trasmette un'idea di cammino incontro legati fra loro.
L'autrice non se la deve prendere per le critiche di johnny, meglio uno che ti dice "fai schifo" che uno che ti fa i complimenti in maniera ipocrita.
Il "non mi trasmette nulla" di johnny dovrebbe crearti quell'insoddisfazione che ti spinge a far sempre meglio.
Baudelaire amava essere odiato (come uomo e come poeta, ciò non toglie che si ritenesse un grande poeta).

Anonimo ha detto...

Grazie M.ringrazio anche te Gianluca...non ho contestato la critica in sè, quanto il modo di porla. Tutto qui. Per il resto io sono a favore della varietà di pensiero...a maggior ragione in ambito poetico. Credo nella complementarietà della psychè ed amo le peculiari poesie "diverse" dal mio modo di scrivere...
Tuttavia la sensibilità con la quale ci si approccia al verso può essere differente...per un modo insito d'essere che ovviamente non va preso come modello universale per non dar luogo a generalizzazioni: M. se osservi bene ha usato le virgolette attorno a "donna" ;)...ma ha reso l'idea senza dubbio.
Ringrazio jonnhy...nel bene o nel male mi ha dato modo di aprire con voi lettori un momento acceso di dialogo...questo mi interessa-e chi mi legge lo sa-più di ogni altra cosa...
La poesia è punto di incontro...e da tutti c'è da imparare.
Non sono nessuno-diceva Pessoa-ma ho in me tutti i sogni del mondo...
Il mio è-attraverso ciò che scrivo-quello di arrivare di interagire con chi legge, oltre tutto, oltre la bellezza tornita del verso, oltre le belle parole...
ringrazio voi per l'attenzione,ed il padrone di casa.

Irene L.

daventi ha detto...

in un modo o nell'altro avete tutti ragione...
IO PENSO CHE: è questo il bello ognuno a i suoi punti di luce: chi illumina di piu un aspetto e chi un altro, ma comuque ogni cosa che si prova va detta com'è, è il bello della sincerità dura e che fa crescere partendo da dentro.
ma senza tralasciare i bei consigli o le belle espressioni suscitate e le onoreficenze /lode al pezzo...
tutto deve suscitare un qualcosa altrimenti se non muove qualcosa dentro di noi non ha vita e penso che ognuno voglia dare un po di vita ai suoi prodotti...
saluti a tutti

è un bel testo, sinfonia ha un suon musicale...

L'Arconte ha detto...

siamo nella terra di sabbia e sangue
dove germogliano gli angeli
a primavera


meravigliosa!

Anonimo ha detto...

Autunno, il vano rinsecchito delle foglie,
vanità
che muore la rugiada.
L'autunno dei bambini e dei colori,
vanità
che muore su ogni strada.
Luce del bagliore dei drogati,
LIBERTA'
poi vada come vada.

Gianciuffo

Fabio Paolo Costanza ha detto...

A me questa poesia piace moltissimo,e concordo con l'Arconte riguardo agli ultimi versi: meravigliosi.

Anonimo ha detto...

rispondo qui a J.Sbranza, e al suo commento attinente "sinfonia" lasciato sull'ultimo post di oggi 15 novembre.


Caro J, io sorrido, perchè non comprendo la "rabbia" che leggo...nessuno ha attaccato te...E non credo tu conosca me, ne mi abbia letto altrove...
Sono un allieva del mondo, a 27 anni lo si è. Scrivo perchè passione ed esigenza, ho pubblicato nel cartaceo su invito...e nutro grande rispetto profondo per la Parola. Mi spiace sinceramente che il discorso abbia preso tal piega, e che tu ti sia ritenuto offeso, mi spiace...chiedo scusa se tale mio scritto ha generato ciò.
Ma è vero che siamo nella terra di sabbia e sangue...però è bello vedere fiorire angeli a primavera dopo ogni qualsivoglia piccola o grande battaglia. Siamo vivi e diversi, ognuno di noi lo è.
Potremmo parlarne a vita di poesia, e sarebbe interessante farlo...ma ognuno avrebbe le sue idee, ed è bene sia così...
Posso solo dirti grazie per l'attenzione rivolta al mio scrivere e nel caso tu voglia sapere di più, leggi il mio blog...troverai le mie verità, benchè opinabili, sincere...come credo sincero sia stato tu.

Un cordiale saluto
Irene Leo

ALE O ha detto...

Intanto benvenuta Irene a Budapest. Adoro i tuoi versi finali, ma li ritengo 'sprecati',passami il termine, in una poesia in cui avrei reso il fatto di essere nella terra di sangue e sabbia. Non traspare questa battaglia maledetta, e si sfiora la gioia della visione angelica. Come immagine o come concetto?Messa così sembra un pò uno stralcio bucolico. Spero di essere chiaro, quello che più mi è mancato è la sensazione della sabbia e del sangue. Io per gusto amo la scrittura (prosa poesia che importa)sanguigna, sofferente. E' così. Non so se per questo intendi critica costruttiva, ma sono sensazioni.

Ho riletto i post e nella prima mail di Sbranza non ho visto una, una sola cosa che potesse essere in qualche modo fraintesa. Si è espresso in modo molto chiaro, non offendendo e dicendo la sua. Le critiche devono essere si costruttive, ma si tratta di poesia, arte, non di un palazzo. è questione di sensazioni. Ho visto ringraziamenti per il mio fratello maledetto Gianluca e per M, ma non mi pare che loro abbiano fatto critiche costruttive, hanno espresso il loro piacere per questo pezzo, e basta. Non mi sembra differente.
Torna presto a Budapest.

J.Sbranza risponde ad una nuova amica(Irene).. ha detto...

Ciao Irene, la mia rabbia è derivata dal fraintendimento delle mie parole..."Io chiedo sempre prima di sparare"(dicevano in un vecchio film) e come "dura gentilezza" è un immagine perfetta di ciò che voglio dire...

Non giudico mai alla prima impressione!
Cerco sempre di leggere più volte(e lo faccio) di cercare emozioni(tutto questo se non sono attratto da loro all'istante)e riportarle a me facendole mie per capirle...

Non sempre ci si riesce, ad esempio tolto qualche parte(COME AVEVO DETTO)la tua poesia CON ME non ci è riuscita, questo non vuol dire che sia brutta oggettivamente!

Però io ho espresso chiaramente questa faccenda del "personalmente"...
E la frittata si è girata proprio per il motivo che citavo prima cioè che LA GENTE LEGGE SENZA PENSARE E SENTENDOSI SEMPRE PRESA IN CAUSA(siccome non ha un cazzo da fare, scusa il termine),FRAINTENDE!

Come M.che non so chi sia!

IO ho espresso un giudizio che non devi per forza considerare, ma credo che almeno una piccola riflessione sia dovuta perchè io ti parlavo di emozioni, non di femminismo!(ad es.)

E la cosa che dovrebbe fare riflettere sono i commenti come:

"Fragorosa,non urlata, soffice..."
Ma come può Sinfonia essere soffice e allo stesso tempo fragorosa se esprime la stessa "velocità" ed intensità su tutte le parti, esprimendo concetti molto concreti e non molto immaginari(sembra tu l'abbia scritta all'aria aperta guardando "l'intorno"...

Quello che voglio dire è che tante persone o ti prendono per il culo, o schiacciano la tastiera senza collegare il pensiero...

E' brutto dire queste cose ma è cosi'!

Mi ha fatto un sacco di piacere parlare con te, sembri una persona molto umile(ora) e intelligente...

...A proposito, non sono assolutamente d'accordo con Bacco che la discussione si sia dovuta svolgere "a porte chiuse" sulla pagina di ieri...E' un gesto fascista che non si fa!

Perchè la maggior parte delle volte il blog(in generale non solo questo) non dice un bel niente di interessante, ed una discossione come questa avrebbe dovuto avere l'attenzione di tutti, per essere da "caposaldo" che tante volte basta capirsi per risolvere questioni...

Poi invece si studia MArx o MAo per cercare processi di libertà e pace...

Oggi blog Fascista!
Peggio dell'ipocrisia!

Sono come le decisioni del governo, il test del palloncino, le leggi contro l'aborto e i parchi senza l'area cani..!